Coronavirus. Nasce la Società Italiana di Psicologia On Line

Obiettivo della neonata Sipsiol è promuovere e motivare lo sviluppo di buone prassi operative, che abbiano solide basi scientifiche favorendo  lo sviluppo di una attività nuova, importante e di grande attualità, sia per i professionisti che per gli utenti, dando a questi ultimi la possibilità di sapere con chiarezza a chi si stanno rivolgendo attraverso sistemi di riconoscibilità e di tracciabilità che siano garanzia assoluta

28 APR - Se per anni si è temporeggiato sulla diffusione di attività psicologiche mediate dal web, il precipitare dell’emergenza Coronavirus ha fatto esplodere in campo psicologico un bisogno di “spostare” online tutte le attività (cliniche, di formazione, di supervisione, etc.) che precedentemente venivano svolte di persona e ha “costretto” tanti, più o meno pronti, ad entrare in un mondo che, sostanzialmente, era sconosciuto solo fino a qualche giorno prima.
 
Un tema questo della validità o meno delle prestazioni via internet e/o a distanza discusso da anni tra gli psicologi, tant’è che Consiglio Nazionale dell’Ordine ha pubblicato un elaborato della Commissione Atti Tipici dal titolo “Digitalizzazione della professione e dell’intervento psicologico mediato dal Web” (2017) proponendo linee guida per le prestazioni psicologiche via internet e a distanza, che non hanno carattere vincolante ma solo di indirizzo.
 
Alla luce di questi scenari è nata la Società Italiana di Psicologia On Line (Sipsiol) che ha voluto quindi promuovere e motivare lo sviluppo di buone prassi operative, che abbiano solide basi scientifiche e possano favorire lo sviluppo di una attività nuova ed importante, sia per i professionisti che per gli utenti.

A fondare la Sipsiol il Presidente Luigi Di Giuseppe da oltre vent’anni impegnato nella diffusione di cultura psicologica attraverso il web, coadiuvato da Massimiliano Di Liborio (Vice Presidente) e Giovanni Pendenza (Segretario). Soci ordinari e fondatori sono Tancredi Di Iullo e Stefano Paolillo.
 
Compito della società, ha spiegato il presidente è “perseguire competenza, rispetto delle regole, aggiornamento continuo per riuscire a fornire ai nostri utenti il meglio che la conoscenza e la tecnologia ci mettono a disposizione”.
 
L’idea della Società Italiana di Psicologia On Line è quella di realizzare un “punto di riferimento professionale” sia per chi ha voglia di crescere e migliorare le proprie competenze sia per chi, invece, quelle competenze non le possiede e desidera acquisirle. Per cui si distinguono 2 tipologie di soci, spiegano in una nota, “quelli Ordinari, che sono già in possesso delle giuste conoscenze sull’online praticandolo da tempo e che possono mettersi a disposizione per i Soci Aderenti, ossia quei professionisti che hanno voglia e desiderio di ampliare la loro capacità operativa e vogliono farlo nella psicologia online”.
 
Ma avverte la Società Italiana di Psicologia On Line, non nasciamo come “fornitore di servizi” (ennesimo gruppo che ambisce alla formazione) ma come “comunità di professionisti che intendono confrontarsi, collaborare e crescere”. Per questo l’articolo 2 dello statuto delinea come la Sipsiol non ha scopo di lucro ma finalità scientifiche e sociali. Cerca di promuovere la divulgazione e la conoscenza della psicologia online e a distanza, nelle sue varie declinazioni, e degli studi scientifici a supporto della sua efficacia. Si vuole favorire lo sviluppo di una rete di professionisti che condividano prospettive epistemologiche, principi e modelli teorici, buone prassi cliniche e di ricerca coerenti e con elevati standard di qualità, grazie alla promozione dell’aggiornamento degli associati e favorendo il contatto e lo scambio tra di loro. Inoltre si intende promuovere il dialogo con le istituzioni, gli Enti preposti ed in particolare con l’Ordine degli Psicologi per favorire la diffusione di interventi di psicologia on line e a distanza.
 
L’Associazione propone quindi una stretta collaborazione con altre associazioni nazionali e internazionali che abbiano fini analoghi, cosi come la collaborazione con tutti gli organismi istituzionali e non, che abbiano come fine la regolamentazione dell’attività psicologica on line sulla base di adeguati titoli professionali a difesa dell’utenza e della dignità della disciplina. Si andranno ad organizzare, patrocinare e promuovere congressi, seminari, corsi di formazione, workshop, convegni, per la formazione continua e l’aggiornamento professionale degli psicologi che operano on line e a distanza.
 
“Quello che ci preme, adesso – ha sottolineato il presidente – è raccogliere intorno alla Società Italiana di Psicologia On Line il massimo di adesioni, di conoscenze e di competenze per poter favorire concretamente, anche in Italia, la crescita di una operatività online degli psicologi e degli psicoterapeuti. Chi si affida ad un professionista online deve farlo potendo contare sulle massime garanzie possibili e deve essere tutelato completamente. E da questo presupposto nasce anche uno degli obiettivi che ci siamo posti: dare la possibilità agli utenti di sapere con chiarezza a chi si stanno rivolgendo attraverso sistemi di riconoscibilità e di tracciabilità che siano garanzia assoluta”.
 

28 aprile 2020
© Riproduzione riservata

 

Screenshot 2020 04 29 Coronavirus Nasce la Società Italiana di Psicologia On Line Quotidiano Sanità

 

 

Link: http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=84609

 

 

Cerca

Seguici sui Social